Nuovo Centrodestra (NCD)

(Dissolto)

Il Nuovo Centrodestra nasce dalla scissione del Popolo della Libertà, il 15 novembre 2013, quando alcuni esponenti del Popolo della Libertà guidati dal segretario politico Angelino Alfano, favorevoli a mantenere il sostegno al Governo Letta ed in contrapposizione con la linea politica espressa da Silvio Berlusconi di togliere la fiducia al governo, decidono di non partecipare al Consiglio nazionale del Popolo della Libertà che si sarebbe tenuto il giorno dopo e che avrebbe sancito lo scioglimento del partito e la nascita della nuova Forza Italia.

I dissidenti del Nuovo Centrodestra formano quindi dei gruppi parlamentari autonomi composti da 30 senatori e 29 deputati, ai quali si aggiungono inoltre sette europarlamentari sui ventiquattro del PdL, che formano un gruppo autonomo all'interno della delegazione italiana del Gruppo PPE, un presidente di Regione, il calabrese Giuseppe Scopelliti, sedici assessori regionali ed ottantotto consiglieri regionali. In seguito alla decadenza a Palazzo Madama di Silvio Berlusconi, il suo seggio è andato al primo dei non eletti Ulisse Di Giacomo, che ha aderito a questo gruppo, che si era candidato nel Molise.

Il 18 Marzo 2017 il leader del partito Angelino Alfano ha annunciato lo scioglimento del Nuovo Centrodestra per costituire Alternativa Popolare.

Collocazione: 
Parlamento: 
Maggioranza
Note: 
  • Seggi, risultati elettorali e alcuni sondaggi includono l'Unione di Centro

Risultati elettorali